La Rete delle città in comune sabato 14 a fianco della città di Napoli contro il debito “odioso”

Al Presidente del Consiglio on. Paolo Gentiloni
Al Presidente del Senato della Repubblica
Al Presidente della Camera dei Deputati
Al Presidente dell’Anci
e p.c Al Sindaco di Napoli

 

Egreg* tutt*,

nel corso della nostra assemblea nazionale, che riunisce consigliere e consiglieri eletti, aderenti alla  “Rete delle Città in Comune” ed Amministratori, abbiamo appreso dell’azione messa in campo dal Sindaco di Napoli – a nome dell’intera città – affinché quella città non vada in ulteriore difficoltà a causa di debiti contratti decenni di anni addietro da Commissari che non rispondevano ad istanze democraticamente elette dai cittadini ma eseguivano quanto loro indicato dai diversi livelli dell’Amministrazione, in particolare dal livello statale. Continua la lettura di La Rete delle città in comune sabato 14 a fianco della città di Napoli contro il debito “odioso”

Proposte programmatiche e un profilo comune per le amministrative 2018. Questi gli esiti dell’assemblea nazionale della Rete, svoltasi a Firenze sabato scorso.

Comunicato stampa

10 aprile. Una proposta programmatica da mettere a disposizione di tutte le liste di cittadinanza e di sinistra che si candideranno alle prossime elezioni amministrative del 10 giugno in una forma chiaramente alternativa al centrosinistra, al centrodestra e al Movimento 5 stelle . E’ questo l’esito principale della assemblea nazionale della Rete della città in comune svoltasi a Firenze sabato scorso 7 aprile. Una proposta per il locale, ma non localistica, che guardi ad un quadro nazionale e non solo.

Continua la lettura di Proposte programmatiche e un profilo comune per le amministrative 2018. Questi gli esiti dell’assemblea nazionale della Rete, svoltasi a Firenze sabato scorso.

Rete delle città in comune verso le amministrative. Alternativi a destre, M5S e centrosinistra: disobbedire ai vincoli di bilancio

Da ilManifesto – Riccardo Chiari*

“Che obiettivo ci diamo? Quello di resistere e avanzare, sui territori, dove il nostro ‘lavoro politico’ quotidiano è visibile, e ottiene dei risultati che ci vengono riconosciuti”. Le parole di Tommaso Grassi (Firenze riparte a sinistra) offrono una prima chiave di lettura dell’incontro nazionale della “Rete delle città in comune”.

Continua la lettura di Rete delle città in comune verso le amministrative. Alternativi a destre, M5S e centrosinistra: disobbedire ai vincoli di bilancio

Lettera appello per l’appuntamento nazionale della Rete delle Città in Comune “Verso le elezioni amministrative 2018”

Promuoviamo e parteciperemo il prossimo 7 aprile all’incontro nazionale organizzato a Firenze dalla Rete delle Città in Comune con l’obiettivo di mettere a confronto, interconnettere e supportare le tante esperienze e liste di cittadinanza e di sinistra che, nell’ambito della tornata amministrativa della prossima primavera, si presenteranno in netta alternativa alle proposte e alla cultura politica che ispira centro sinistra, destre e movimento cinque stelle.

Continua la lettura di Lettera appello per l’appuntamento nazionale della Rete delle Città in Comune “Verso le elezioni amministrative 2018”

7 aprile a Firenze appuntamento nazionale di confronto fra le liste di cittadinanza e di sinistra alle prossime amministrative

La Rete delle città in Comune: il 7 aprile a Firenze appuntamento nazionale di confronto fra le liste di cittadinanza e di sinistra alle prossime amministrative. Per supportare programmi e cooperazione comuni. Per una via diversa da austerity e identitarismo razzista

Continua la lettura di 7 aprile a Firenze appuntamento nazionale di confronto fra le liste di cittadinanza e di sinistra alle prossime amministrative

Continua in Toscana la privatizzazione dell’acqua e i favori alle multinazionali da parte di PD e MDP.  L’intervento di Sì Toscana a Sinistra.

La Regione Toscana è ad un bivio: può scegliere di aprire la strada alla gestione pubblica e partecipativa del servizio idrico, come ha chiesto la maggioranza dei cittadini italiani e toscani con il referendum del 2011, oppure continuare sul cammino intrapreso 20 anni fa, quello della gestione privatistica dell’acqua tramite società per azioni. Con le norme appena approvate dal consiglio regionale su proposta Pd-Mdp, ci pare purtroppo che la scelta sia chiara: continuare ad accentrare ancor di più il potere decisionale nelle mani di pochi, lasciando intatto il quadro di privatizzazione del servizio.

Continua la lettura di Continua in Toscana la privatizzazione dell’acqua e i favori alle multinazionali da parte di PD e MDP.  L’intervento di Sì Toscana a Sinistra.