Archivi categoria: Comunicati

No alla manifestazione nazionale di Forza Nuova a Prato

COMUNICATO

Oggi la sede ANPI di Prato è stata imbrattata con svastiche e scritte inneggianti al fascismo. Ennesima riprova di un rigurgito che anche li ha rialzato la testa. Proprio in vista della manifestazione nazionale di Forza Nuova che si dovrebbe tenere sabato prossimo nella città toscana e che ha nella piattaforma di convocazione espliciti riferimenti alla ricorrenza dei cento anni dalla fondazione dei fasci.

Continua la lettura di No alla manifestazione nazionale di Forza Nuova a Prato

Decreto sicurezza. ONei comuni ordini del giorno della Rete delle Città in comune per generalizzare l’iscrizione anagrafica dei migranti.

Rete delle Città in Comune

Iscrizione anagrafica comunale dei migranti. Ordine del giorno-tipo proposto dalla Rete in tutti i Comuni dove è presente. Per generalizzare i casi Palermo e Napoli. Rispettare la legge significa iscriverli. E’ il governo che deve essere chiamato al rispetto della Costituzione, della legge, e del “dissesto” a cui espone i Comuni (anche) con questo provvedimento inumano. Continua la lettura di Decreto sicurezza. ONei comuni ordini del giorno della Rete delle Città in comune per generalizzare l’iscrizione anagrafica dei migranti.

Sabato 15/12 la assemblea nazionale della Rete delle Città in comune: Campagne, impegno politico istituzionale e non, diffuso, con un occhio al quadro nazionale ed europeo

COMUNICATO

Il prossimo sabato 15 dicembre – dalle ore 10 – terremo la nostra assembla nazionale a Roma, presso la “casa internazionale delle donne” (Via della Lungara 19). Sarà un appuntamento importante per rafforzare e rilanciare gli impegni che in questi anni abbiamo portato avanti: campagne, iniziative, connessione dei consiglieri comunali afferenti alla Rete per condividere battaglie dentro e fuori i consigli. Continua la lettura di Sabato 15/12 la assemblea nazionale della Rete delle Città in comune: Campagne, impegno politico istituzionale e non, diffuso, con un occhio al quadro nazionale ed europeo

La rete delle città in comune partecipa all’assemblea del 1 dicembre a Roma

COMUNICATO Parteciperemo sabato 1 dicembre all’assemblea lanciata a Roma dal movimento DeMa. Un appuntamento che ci convince perché emerge una forte sintonia ideale, di profilo e prassi politica, con la natura dell’appello che convoca il 1 dicembre.

Continua la lettura di La rete delle città in comune partecipa all’assemblea del 1 dicembre a Roma

San Giuliano Terme primo comune a concedere la cittadinanza onoraria al sindaco di Riace, grazie all’impegno dei consiglieri della Rete delle città in comune. Avanti con la manifestazione nazionale antirazzista

Il Comune di San Giuliano Terme è – a quanto ci risulta – il primo comune d’Italia che concede la cittadinanza onoraria a Domenico Lucano, il sindaco di Riace.

Continua la lettura di San Giuliano Terme primo comune a concedere la cittadinanza onoraria al sindaco di Riace, grazie all’impegno dei consiglieri della Rete delle città in comune. Avanti con la manifestazione nazionale antirazzista

Attacco Finale al modello Riace. La Rete delle Città in comune: subito una grande manifestazione nazionale contro il razzismo e per la democrazia.

COMUNICATO

Una grande manifestazione nazionale contro il razzismo, la xenofobia, a difesa del modello Riace, ma anche della democrazia, da mettere in campo con estrema velocità.

Questo su quanto, collaborando pienamente con tutti coloro (società “civile”, forze politiche, associazionismo, ecc) che si stanno muovendo nella sessa direzione, stiamo lavorando e lavoreremo nelle prossime ore e giorni: siamo infatti convinti che non ci sia più tempo, un segnale di ampia portata – unitamente a tante iniziative sui territori, e ordini del giorno di sostegno in tutti i consigli comunali dove siamo presenti – va dato , davvero, in tempi ristrettissimi.

Continua la lettura di Attacco Finale al modello Riace. La Rete delle Città in comune: subito una grande manifestazione nazionale contro il razzismo e per la democrazia.

Giornata nazionale “Sfratti Zero” promossa dall’Unione Inquilini. La Rete delle città in Comune: aderiamo e collaboriamo attivamente in tutta Italia

COMUNICATO

Non solo condivisione, ma anche partecipazione attiva e stretta collaborazione con l’Unione Inquilini in merito alla riuscita della settima edizione della giornata nazionale “Sfratti Zero”, che si svolgerà in tutta Italia il prossimo mercoledì, 10 ottobre.

Questo l’impegno messo in atto dai consiglieri, sindaci, amministratori pubblici aderenti alla “Rete delle Città in Comune” (www.lecittàincomune.it), diffusa capillarmente in tutto il paese.

Continua la lettura di Giornata nazionale “Sfratti Zero” promossa dall’Unione Inquilini. La Rete delle città in Comune: aderiamo e collaboriamo attivamente in tutta Italia

Modello Riace. Mozione di solidarietà a Mimmo Lucano veicolata in tantissimi consigli comunali italiani. La Rete: è un modello da tutelare e diffondere

La Rete delle città in comune – attraverso i suoi aderenti – in queste ore sta depositando in numerosissimi comuni di tutta Italia una mozione in solidarietà al sindaco di Riace, Mimmo Lucano.

Continua la lettura di Modello Riace. Mozione di solidarietà a Mimmo Lucano veicolata in tantissimi consigli comunali italiani. La Rete: è un modello da tutelare e diffondere

Il sindaco di Riace agli arresti domiciliari. La Rete Città in Comune: accelerazione inquietante contro chi si oppone alla logica della paura. Tutto ciò alla vigilia della promulgazione dei decreti Salvini. Un caso?

Un fatto gravissimo, che richiede certo una piena solidarietà al sindaco di Riace, ma anche una mobilitazione diffusa nel paese affinché – invece di moltiplicarsi, per modalità e gravità, il tentativo di distruggerla – si salvi l’esperienza di accoglienza e integrazione del piccolo comune calabrese. Un esempio non un problema!

Continua la lettura di Il sindaco di Riace agli arresti domiciliari. La Rete Città in Comune: accelerazione inquietante contro chi si oppone alla logica della paura. Tutto ciò alla vigilia della promulgazione dei decreti Salvini. Un caso?