Giornata nazionale “Sfratti Zero” promossa dall’Unione Inquilini. La Rete delle città in Comune: aderiamo e collaboriamo attivamente in tutta Italia

COMUNICATO

Non solo condivisione, ma anche partecipazione attiva e stretta collaborazione con l’Unione Inquilini in merito alla riuscita della settima edizione della giornata nazionale “Sfratti Zero”, che si svolgerà in tutta Italia il prossimo mercoledì, 10 ottobre.

Questo l’impegno messo in atto dai consiglieri, sindaci, amministratori pubblici aderenti alla “Rete delle Città in Comune” (www.lecittàincomune.it), diffusa capillarmente in tutto il paese.

Un impegno dovuto alla consapevolezza che il diritto alla casa e la sua drammatica assenza sia uno dei principali “spettri” che si aggira nel paese, mentre è completamente assente dai palazzi del “potere”. Stiamo vivendo – e i comuni sono drammaticamente in prima linea nel cercare di dare risposte e non avere nessun supporto economico, legislativo, ecc, per poterlo fare – un emergenza sociale di cui nessuno parla, salvo i dati drammatici di centinaia di migliaia di famiglie in lista d’attesa di un alloggio, e l’esplosione degli sfratti esecutivi in buona parte per morosità incolpevole (“perdi il lavoro e perdi la casa”).

Un dramma che si espande a macchia d’olio ormai da anni, moltiplicatosi con la crisi economica.

Manca in questo paese da decenni un serio piano di edilizia pubblica, non si danno ai comuni strumenti per affrontarla – anche quando vogliano effettivamente farlo e non svendere il poco patrimonio loro rimasto -, per recuperare l’esistente, non si applicano circolari e normative che permetterebbero di mappare e utilizzare l’immenso patrimonio pubblico (e non solo) di immobili abbandonati o inutilizzati per rispondere al bisogno casa.

Per questo va riacceso un faro su questo tema, per questo l’importanza della giornata del 10 ottobre, nella quale sono previste manifestazioni in decine e decine di città grazie al lodevole impegno degli organizzatori (a cui la Rete molto spesso ha contribuito alla realizzazione delle iniziative stesse), oltre a presentare nei comuni ove siamo presenti un ordine del giorno che va nella direzione di un impegno dell’ente locale e di una sollecitazione pressante al governo perché si occupi di questo e la smetta con la lettura da ordine pubblico iniziata dal precedente esecutivo e accelerata con questo e con la sua recente circolare sugli sgomberi, fiore all’occhiello dell’indagato ministro Salvini, che punta solo a difendere i grandi proprietari e a buttare in mezzo alla strada tante e tanti affinché sia sempre più vero un fenomeno già in atto da anni: gente senza case e case senza gente.

Rete delle Città in Comune

8 ottobre 2018

 

Modello di O.d.g. 10 ottobre giornata sfratti zero 

Un pensiero su “Giornata nazionale “Sfratti Zero” promossa dall’Unione Inquilini. La Rete delle città in Comune: aderiamo e collaboriamo attivamente in tutta Italia”

  1. Coordinamento Asti-Est aderisce con altre associazioni con un presidio davanti al Comune alle 17 del 10. La casa è un diritto. Il decreto Salvini criminalizza la povertà come la legge 80/2014 Lupi/Renzi (art.5).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *